Achivio - scuola

La Scuola Anna Frank e il suo rapporto con Fidene

Inclusione, famiglia e legami con il territorio sono le basi dell’istituto di via Russolillo

La scuola Anna Frank fa parte dell’Istituto Comprensivo “Fidenae” e si trova in uno dei quartieri più ampi del terzo municipio. Suddivisa in primaria e secondaria la scuola, come tutto l’istituto, promuove “un dialogo attivo con le famiglie e con tutte le figure sociali presenti sul territorio”: queste le parole della dirigente scolastica Donatella Dato nel descrivere la struttura.

Diversi i progetti che la scuola porta avanti grazie alla collaborazione di enti presenti a Fidene e in tutto il terzo municipio: ad esempio, come ricorda la Preside, la Scuola Primaria Anna Frank realizza iniziative come " “Orti e Rapporti” (congiuntamente con la Scuola Secondaria di 1° grado), “L2 per mamme straniere”, “Bibliopoint”(con l’attiva collaborazione del III Municipio, in particolare grazie al sostegno dell’Assessora alle Politiche educative e scolastiche Claudia Pratelli), “Retake Scuole” (contro il degrado e vandalismo a favore del decoro e riqualificazione ambientale) e il “Concorso: il mio quartiere” promosso dal Comitato di Quartiere Fidene".

La scuola di via Russolillo, trovandosi in un contesto di periferia, ha una grande peculiarità, quello di avere un considerevole numero di famiglie e alunni stranieri, considerati come una ricchezza e un valore aggiunto per l’intero istituto.

Il rapporto, quindi, tra Famiglia, Scuola e Territorio, per questa struttura scolastica è fondamentale: migliora la vita degli alunni, fornendo loro una solida rete sociale in cui rapportarsi e crescere. Da questa collaborazione sono nati grandi progetti, come il ripristino del muro di cinta della scuola: “In collaborazione con le famiglie, il Comitato di Quartiere Fidene, il Municipio ed altri Enti (Associazione di Promozione Sociale “Aurora” e Retake) è stato possibile, negli ultimi tre anni, ripristinare il muro di cinta, ripitturandolo e decorandolo con murales realizzati da Street Artist (di cui, il più recente, è stato donato dal III municipio ed inaugurato il 20 giugno 2019, in forma di muro- racconto, con storie narrate e incise, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato)”, perché “la BUONA Scuola è anche una BELLA Scuola”, come afferma la Dirigente scolastica, Donatella Dato.

[di Elisabetta Amato]