Archivio - sport

Accademia Calcio Roma: un punto…di partenza

Si è alzato il sipario sul campionato regionale di Promozione. Pareggio per 1-1 con l’Atletico Zagarolo. Il mister Tarquini: obiettivo salvezza tranquilla e valorizzazione della squadra.

Settembre, andiamo, è tempo di giocare! La parafrasi del celebre verso di Gabriele D’Annunzio richiama l’inizio della stagione calcistica regionale 2018-2019.

Per l’Accademia Calcio Roma prima campanella fra le mura amiche contro l’Atletico Zagarolo nel girone B di Promozione, agli ordini dell’arbitro Vallocchia, coadiuvato dagli assistenti Cavuti di Roma 2 e Cattaneo di Civitavecchia.

L’undici bianco-nero-blu, alla sua seconda stagione consecutiva nel torneo cadetto del football laziale, ha conseguito, domenica 2 Settembre, un incoraggiante pareggio: un punto di partenza per muovere subito la classifica, alla luce del traguardo stabilito dalla società di via di Settebagni“Il nostro obiettivo è disputare un campionato tranquillo" – afferma ai nostri microfoni l’allenatore Tarquini - "abbiamo ragazzi nuovi, soprattutto gli under , ai quali puntiamo di dare spazio. Ottenuta la tranquillità, possiamo navigare più sereni”.

L’Accademia ha proposto un solido reparto difensivo. In particolare, degni di nota alcuni interventi provvidenziali del portiere, che ha negato il goal ai prenestini in almeno tre occasioni e l’intesa fra i terzini, espressa dalla visione di gioco e dal fraseggio nella propria area di rigore per uscire palla al piede, come confermato dal mister. Le azioni di attacco, invece, nei primi trentacinque minuti, evaporavano in area di rigore, come i fiumi russi che si perdono nella depressone caspica, mancando di finalizzazione; il taccuino dei tiri in porta dell’Accademia registrava il candore e la nitidezza del bianco; di contro, lo Zagarolo esercitava una manovra più fluida, che liberava più volte al tiro una maglia amaranto.

Sul finire della prima frazione, la manovra dell’Accademia aumentava gradualmente la sua intensità: gli ingranaggi iniziavano a girare. Un tiki-taka sullo stretto in area di rigore è stato il preludio alla melodia del goal, che sarebbe arrivato sullo spirare del primo tempo, trasportato dalla traiettoria precisa del moto parabolico della punizione di Nolano, che, indirizzata sul lato debole, si è insaccata alla destra del portiere prenestino.

“Essendo nuova gran parte della squadra" - continua Tarquini - "alcuni calciatori non hanno mai giocato insieme, quindi deve fortificarsi il filo dell’intesa. Giochiamo con il 3-4-3, modulo conosciuto da chi era qui l’anno scorso, continuando il progetto dell’ex mister Fabio Petruzzi.”

Nel secondo tempo, la squadra montesacrina, nei ristretti anbiti concessi dal tambureggiamento dello Zagarolo, incessante nei primi 10 minuti , ha sprecato tre limpide occasioni per aggiornare il tabellino e porsi a distanza di sicurezza. Quasi per la legge del contrappasso di dantesca memoria, dopo una di queste palle-gol, l’Accademia ha subito il pareggio amaranto, su rigore concesso dall’arbitro Vallocchia al minuto 62 e trasformato da Di Mugno. Nei minuti successivi sostituzioni e stanchezza imponevano il proprio gioco, fino al triplice fischio dell’arbitro.

Un pareggio buono per iniziare un avvincente campionato tutto da scoprire. Giornata dopo giornata. “E’ un girone nuovo per l’Accademia" - conclude Tarquini -. "L’altro anno eravamo nel girone A (area romano-viterbese, ndr.) Ci sono squadre importanti tra le quali Guidonia, Tivoli, Palestrina ed altre. Prima mettiamoci al sicuro con la classifica. Cercando sempre di giocare al calcio!”

E allora, in bocca al lupo, Accademia! 

Accademia Calcio Roma e Settebagni: sorteggio..a Nord-Est!

[Daniele Di Clementi]